Tel. 366 504 6566

 

La storia di Masseria Vecchia Mastro Marco è qualcosa che rappresenta, da sempre, l’identità di questa fetta di territorio che si trova a metà strada tra l’Adriatico e lo Ionio. L’attuale proprietario, il dott. Giovanni Tria, ci racconta il percorso storico di una masseria che affonda le sue radici nel XVI secolo

La Masseria Vecchia Mastro Marco ha una lunga storia; la sua denominazione è riportata in documenti risalenti alla fine del millecinquecento quando un tale Marco D’Ottobre la prende a censo dalla Confraternita del SS. Sacramento di Noci per la somma di dieci ducati annui. E’ intuitivo pensare che Marco D’Ottobre fosse il Mastro che ha dato il nome alla Masseria. Non a caso la data del 1597 è incisa su uno dei massi che in cerchio delimitano la bocca della più antica foggia esistente in Masseria ai limiti del bosco: C.T.D.O.F.F. 1597 (il canonico Toma D’Ottobre fece fare nel 1597).

Il passo storico successivo è l’acquisto da parte della famiglia Tintis che realizzò lavori di ampliamento nella persona del canonico Vincenzo con i suoi tre fratelli Giulio, Adriano e Francesco, tutti sacerdoti, come testimoniato dalla iscrizione su pietra con data 1734 presente al centro della facciata del secondo di quattro lunghi “magazzini” affiancati con tetto a pignon che costituiscono il nucleo principale della Masseria. La proprietà della masseria da parte della famiglia Tintis durò per circa cinquanta anni passando nel 1778 alla famosa famiglia Albanese. Sulla scalinata esterna che dà accesso al piano superiore del primo e più grande corpo di fabbrica è incisa la data del 1783 a testimonianza di lavori eseguiti dalla nuova proprietà; a quella data è possibile far risalire anche la vicina cappella sulla cui facciata è fissato lo stemma in pietra appunto della famiglia Albanese. All’interno della chiesetta che ha subito un recente intervento di restauro è conservato un magnifico affresco che può considerarsi una summa delle icone e della simbologia cristiana con al centro l’immagine della Madonna Immacolata.

La storia recente della masseria ci porta al 1930 quando con una superficie terriera di 90 ettari, oggi ridotti a 21 per successive divisioni ereditarie, viene acquistata dalla mia famiglia.

Nel 2012, dopo l’abbandono della masseria da parte degli ultimi affittuari,  sono iniziati i lavori di restauro improntati al rigoroso rispetto delle originarie caratteristiche costruttive e dell’impianto esistente.

Oggi Masseria Mastro Marco, denominata Vecchia Mastro Marco per identificare il nucleo storico di una intera contrada, cambia volto ma non smette di tramandare i valori di una civiltà contadina fortificata dalla difficoltà di  vivere in una terra aspra e povera, con la quale ha stretto un patto indissolubile.

Oggi Masseria Vecchia Mastro Marco, azienda agrituristica e Masseria didattica, circondata da colture di cereali e da un bosco attrezzato,  diventa il luogo in cui trascorrere il proprio tempo libero a contatto con la natura, in cui assaporare i prodotti e i frutti della terra, in cui riconciliarsi con i ritmi del giorno e della notte per rasserenare il corpo e la mente.

DSC_0016 (1)