Tel. 366 504 6566

Il primo toponimo era Masseria Murgia, solo dopo il 1932 ha assunto l’attuale denominazione. Un documento prezioso è quello riguardante la cappella, eretta nel 1753 da Casa de Tintis e dedicata alla Sacra Famiglia. La chiesetta, andata in crescente degrado nella seconda metà del XIX sec, è restaurata a cura dei coniugi Concetta Pellicciari e Gennaro Epifania e ribenedetta il 12 settembre 1931 dal canonico Don Saverio Cassano.

don giulio 2

Sulla colonna destra dell’ingresso alla masseria – villa è incisa l’iscrizione “G.E. 1928”. Esse significano Gabriele Enrico. Da ciò si evince che forti sono i legami di parentela tra le famiglie De tintis, epifania e Gabriele.

Le successive costruzioni del XIX e XX secolo che hanno inglobato il manufatto settecentesco risultano effettuate con perizia, con gusto. Attualmente, la masseria villa Murgia Don Giulio, singolare per forme architettoniche di straordinaria bellezza segna il trionfo della civiltà della pietra. Ad ovest il prospetto principale con un incantevole terrazzo belvedere, ad est un secondo terrazzo belvedere.

Attualmente, la masseria è di proprietà della famiglia D’Onghia di Noci.

 

Prof. Nicola Bauer

Il materiale fotografico è a cura dell’Arch. Francesco Raffaele Tinelli