Tel. 366 504 6566

Pezzata probabilmente fu il cognome di primo proprietario dell’antico manufatto. Nell’Onciario (catasto) di Noci del 1753 risulta di proprietà del convento di Santa Chiara di Noci. In tale epoca la masseria comprendeva anche il parco della Neve di Tomoli 40 terre serrate con foggia e una casella. Nel 1971 fu acquistata da Vito Franchini appartenente ad una nota famiglia nocese.

Il suo nucleo antico, risalente quasi certamente alla seconda metà del sec. XVII, è costituito da quattro grandi corpi di fabbrica, aventi tetti spioventi, coperti da lastre di chiancarelle, costituiti lungo un asse  nord-sud.

cartello masseria pezzata

Al centro del grande spiazzo c’è un’aia, mentre sul lato ovest vi sono allineati diversi trulli-casedde, ancora abitati. Ad ovest c’è una chiesetta che vito Franchini fece costruire ed affrescare nel 1792. Sull’architrave dell’ingresso della Cappella è incisa la seguente epigrafe “Sacellum hoc deo sanctissimo Pietro et Paolo dicatum condere fecit  Duns Vitus Franchini, in quo confugio non gaudere, A.D. 1791”. (Vito Franchini fece costruire questa chiesetta, consacrata al devotissimo Dio e agli apostoli Pietro e Paolo, la quale non gode del diritto d’asilo).

I testi e le ricerche storiche sono a cura del Prof. Nicola Bauer

Il materiale fotografico è a cura dell’Arch. Francesco Raffaele Tinelli