Tel. 366 504 6566

Testi e foto a cura dell’Arch. Francesco Detta anche masseria “Marzolla”, Villa Gabrieli è ubicata al centro di una vasta zona di pascoli, attraversata per secoli prima da greggi di pecore, poi da vacche trasumanti. Le testimonianze certe di appartenenza della masseria-villa alla famiglia Gabrieli si rilevano:  dalla incisione “Podere Gabrieli” sulle colonne d’ingresso; dall’epigrafe posta sul portale di stile neooclassico della camera da letto e recante”Postquam Aliis Consuluit Cubiculum hoc vicilia e somnique libertate sibiip si construxit Andreas Gabrieli MDCCCXC” (Dopo che si fu occupato dagli altri Andrea Gabrieli costruì per se stesso questa camera da usare liberamente per il sonno e per la vegli – 1890; dall’epigrafe su pietra posta sull’architrave di accesso alla camera e recante  “Aedem Hanc extruendam curavit sacerdos Iustinus Gabrieli AD MDCCCLXVII – Frater e Ius Vitus Paramentis ex ornavit et Andreas de Hal Flora Ditavit” ( il sacerdote Giustino Gabrieli curò che fosse edificato questo tempio nell’anno del Signore 1867. Suo fratello Vito provvide per i paramenti e Andrea lo arricchì a sue spese di questo ornamento floreale. Dai registri canonici si rileva che il canonico Giustino Gabrieli morì nell’anno 1881 e il fratello Andrea, anch’esso sacerdote, nell’anno 1916

Nel 1909/1910, il famoso scrittore Andrea Gabriele riscattò le terre di “Marzolla” insieme a suo nipote. Questo canonico letterato  impiantò nell’edificio molte opere letterarie e fu tra gli uomini più illustri del paese insieme ad altre personalità come Albanese

Testi e foto a cura dell’Arch. Francesco Tinelli